Obiettivi

Vogliamo costruire organizzazioni, aziende e società migliori, attraverso dei processi di intelligenza collaborativa.

icxci_ainegro copia200

|

studia e disegna piattaforme per la gestione delle sfide e per la presa di decisioni collaborativa
fa ricerca e facilita la creazione dei contenuti formativi per la collaborazione
promuove la deliberazione in piattaforme digitali di seconda generazione

obj_col2

APPROCCIO PRAGMATICO

I saperi che non migliorano la vita concreta delle persone sono come l’eccesso di grasso nel corpo: disturbano. L’ICXCI si focalizza, dal primo momento, lo sviluppo di saperi e nello sviluppo di metodologie che siano veramente utili ed applicabili per superare le sfide concrete che devono affrontare le organizzazioni e le società.

RETE GLOBALE

L’ICXCI è collegato con una rete globale di centri ed esperti che studiano o applicano delle metodologie collaborative presenziali: le Ateliers d’Intelligence connective, coordinata da Derrick de Kerchove.

1. Capire l’essere umano

La persona umana è l’elemento basilare delle imprese, le istituzioni, i governi, la società. Non si può dirigere bene queste istituzioni né articolare la collaborazione tra i loro membri se non si capisce più approfonditamente e con più rigore l’essere umano, e se non si condivide questo sapere. E c’è molta confusione e distorsione riguardo ciò che è, e può fare la persona.

Dove siamo oggi nei confronti di questo obiettivo?

La società si è evoluta su tanti fronti, andando avanti nella conoscenza della straordinaria complessità dell’essere umano, anche se c’è ancora una strada infinta da fare. Ma ciò che arriva alla gente, alle organizzazioni e aziende – intelligenza emozionale, mindfulness, resilienza…- sono dei concetti e delle intuizioni forse interessanti, ma sconnesse tra loro, e talvolta vendute in modo riduttivo e semplificato fino all’inganno e alla pseudo-conoscenza. E persino le ricerche più rigorose sull’essere umano (genomica, cellule madri, neuro scienza…) vanno avanti in modo parallelo, senza parlare tra loro né scambiare con gli altri le loro scoperte… Manca una visione generale.

Prodotto operativo:

Per ordinare un po’ la conoscenza della persona, tanto importante per le organizzazioni, gli esperti dell’ICXCI hanno creato una Cornice di comprensione antropologica operativa sull’essere umano.

2. Conoscere dove sta andando il mondo

In questo momento esistono almeno 10 grandi tendenze di dimensione mondiale che riguardano la sostenibilità della Terra e richiedono con urgenza la collaborazione attiva e decisa tra imprese, governi, terzo settore e cittadini per riuscire a uscirsene. A un altro livello esistono anche importanti sfide sociali per migliorare i sistemi educativi, sanitari, economici… Si tratta di veri e propri “wicked problems” (problemi perversi) che richiedono un’azione collaborativa e sintonica in tutti i settori coinvolti. Ma il grado di consapevolezza e comprensione di questi problemi è ancora molto basso.

Dove siamo adesso nei confronti di questo obiettivo?

Si sta approfondendo la ricerca sugli elementi che facilitano e su quelli che ostacolano la deliberazione negli ambienti digitali, ed abbiamo creato degli ebook a riguardo. Inoltre abbiamo creato una piattaforma digitale di deliberazione di seconda generazione.

3. Deliberazione ordinata

Facilitare la deliberazione ordinata

Il mondo è sempre più complesso e imprevedibile, ed è sempre più difficile per i leader e team di lavoro, pure ben qualificati, trovare per se stessi le strade da seguire. Hanno bisogno della collaborazione di tutti quelli che hanno qualcosa da dire per superare le sfide che devono affrontare. Ma per riuscire a far collaborare le persone, ci sono delle difficoltà.

Dove siamo adesso nei confronti di questo obiettivo?

La società ha risolto molto bene la comunicazione (trasmettere e scambiare informazione attraverso diversi canali: email, G+, Yammer, Skype, social network…) ma non la creazione condivisa di conoscenza e la presa di decisioni tra gruppi grandi di persone. Riunire delle persone per pensare insieme suppone un’opportunità ma anche pone dei problemi. Raramente si approfitta del potenziale di tutti per raggiungere le aspettative.
Prodotto operativo: uno spazio per deliberare insieme e prendere migliori decisioni: